Scuola, Sandro Penna - Prima di interpretare

Published on by michelam

Quanto si potrebbe scrivere a proposito di Scuola... Perche' a me dice molto.

Di la' da quello che ricordo, ho letto e so di Sandro Penna, poeta inquieto e vagabondo.

      Dalla nativa Perugia alla capitale, da cui comunque si allontana saltuariamente, svolgendo i piu' disparati mestieri; inseguito dalla depressione; in conflitto con se stesso e con il mondo anche a causa della sua omosessualita'; alla ricerca di una vita intensamente vissuta che sfugge pero' tra le dita, ammirata da lontano o goduta in rari splendidi istanti; invocata e mitizzata nell'ardente desiderio di (ri-)sentire la dolcezza luminosa e pacificante di una purezza innocente e libera.

 sandro_penna.jpg

...E vivere, vivere
sentirsi pienamente vivere
secondo la propria anima libera.
Morire di sensazioni, ascoltare
poi, nelle notti incantate,
da una finestra di albergo
il silenzio del mondo: i canti
dei ricordi folli di luci intrecciandosi
vertiginosamente nell'anima
fragile e sbigottita.


sandro-penna
Amavo ogni cosa del mondo. E non avevo
che il mio bianco taccuino sotto il sole.

 

Published on Lezioni di poesia

To be informed of the latest articles, subscribe:
Comment on this post